HOME

 CHI
 SIAMO

 AREA
 SERVIZI

AREA
LAVORO

PROGETTI

COME SOSTENERCI

CONTATTI

LAVORA
CON NOI

SOCIALE
IN RETE

 

 

   AREA SERVIZI:

 

 SERVIZI

 UNITA' D'OFFERTA DIURNE

UNITA' D'OFFERTA RESIDENZIALI

ATTIVITA'

STAFF

 

CDA

 

DOCUMENTI ISTITUZIONALI

 

 

R.S.D. La Parolina

 

Ente Gestore

 

“Punto d’Incontro ” - Società Cooperativa Sociale Onlus.
Via Cassano,37 - 20062 Cassano d’Adda (MI)
Tel. 0363.361966 - Fax 0363.361965 – e-mail.
segreteria@puntodincontro.org

               

 

Sede dell’unità d’offerta

 

Via Boccaccio 18  
Cernusco sul Naviglio – MI
Tel. 02/92112220
Fax 02/92112308

 

La struttura è situata nel territorio del distretto 5 dell’ ASL MI 2.

 

Gli immobili sono di proprietà di Anfass Onlus, concessi a titolo di comodato ai servizi dell’unità d’offerta.

 

 

Come raggiungere l’unità d’offerta

  • In auto: Tangenziale Est Milano uscita Carugate, proseguire per Cernusco sul Naviglio.

  • Con i mezzi pubblici: metropolitana Milano linea 2 (verde) fermata Cernusco sul Naviglio.

 

 

Funzionamento

 

La RSD garantisce il funzionamento per 365 gg. all’anno per 24 ore al giorno, prevede 35 posti letto. Gli utenti usufruiscono di un’ampia struttura che offre spazi sia residenziali che polifunzionali per attività diurne così come prevedono le norme regionali di settore.

 

La RSD prende in carico l’utenza in modo globale assicurando tutte le prestazioni educative assistenziali e sanitarie previste dalle normative vigenti per questo servizio.

 

 

Programma ed attività:

 

La RSD oltre al soddisfacimento dei bisogni di tipo affettivo relazionali propone per il diurno e il tempo libero specifiche attività con programmi diversificati quali:

  • attività artistico/espressive

  • attività ergoterapiche

  • esperienze di socializzazione, esperienze sul territorio, attività ricreative

  • attività di piscina, ippoterapia, psicomotricità, musicoterapia e drammatizzazione

  • esperienze residenziali in località turistiche.

Le attività specifiche verranno strutturate a seconda del progetto individuale (PEI e PAI) identificato dall’equipe.

               

 

Capienza massima prevista dell’unità d’offerta

 

La capienza è di 35 posti letto. Il numero può essere ridotto  in riferimento alla metratura e agli ambienti della comunità nel rispetto delle normative vigenti.

 

 

Spazi ad uso esclusivo

 

La struttura è dotata di  due sale da pranzo, tre sale polivalenti dove gli ospiti possono svolgere diverse attività proposte dagli educatori, una sala riunioni utilizzata per colloqui con i familiari degli ospiti, per effettuare incontri di valutazione, per momenti di equipe tra gli operatori, un’ampia palestra che permette di svolgere attività di  fisioterapia, musicoterapica e atre attività motorie proposte agli ospiti, la struttura ha a disposizione un ampio e articolato  giardino interno che gli ospiti possono sfruttare per tutta la bella stagione.

 

 

Sintesi attività dell’unità d’offerta e impostazione metodologica

 

L’unità d’offerta prevede un servizio di ospitalità per soggetti disabili così articolata:

  • Ospitalità permanente: è rivolta ai disabili che non possono essere assistiti a domicilio per la gravità della situazione familiare o delle patologie correlate. L’utente viene accolto nella RSD e fruisce dei servizi specifici e generali di cui ai paragrafi seguenti.

  • Ospitalità temporanea: il servizio prevede assistenza e cura a disabili per un periodo temporaneo, al termine del  quale segue un rientro  a domicilio. Il servizio ha lo scopo di  arrecare sollievo alle famiglie che hanno la cura di un disabile a domicilio. Vuole rispondere ai bisogni delle famiglie che si trovano in situazioni di carico assistenziale particolarmente gravoso o per rispondere a urgenze sociali o a periodi di ospedalizzazione del care giver. La durata del servizio, di norma, è al massimo di 3-4 mesi eventualmente prorogabili qualora si presentasse la necessità di effettuare ulteriori cure oppure persistessero gravi situazioni di bisogno familiare.

 

La metodologia di lavoro si basa su progetti educativi e di assistenza individualizzati formalizzati nel piano che l'equipe dell’unità d’offerta elabora per ogni ospite. Il progetto cerca di tenere conto dei diversi bisogni di ogni utente, di individuare gli strumenti e le metodologie di intervento adatte per il raggiungimento degli obiettivi con l'attenzione a osservare i cambiamenti e la dinamica evolutiva dell'ospite.

 

 

Lavoro in equipe

 

Il personale opera con la metodologia  del lavoro di equipe per il raggiungimento degli obiettivi proposti. L’equipe multidisciplinare, nel rispetto del ruolo delle varie figure, attraverso riunioni periodiche formula progetti di assistenza e ne verifica l’andamento.

 

 

Piani d’intervento sanitario-assistenziale

 

I piani di intervento sanitario-assistenziale sono strutturati a cura dell’equipe sanitaria e sono sia di carattere generale sia individualizzati. Si precisa inoltre che per la parte sanitaria la struttura si è dotata di apposito regolamento.

 

 

Progetti educativi e di assistenza individualizzati

 

Il progetto educativo (PEI) e di assistenza (PAI) individualizzato è il piano che l’equipe multidisciplinare elabora per ogni ospite. Il progetto deve tenere conto dei diversi bisogni di ogni utente, deve individuare gli strumenti e le tecniche adatte per il raggiungimento degli obiettivi con l’attenzione a osservare i cambiamenti e la dinamica evolutiva dell’ospite.

 

 

Le procedure

 

Per favorire interventi omogenei, esistono all’interno del centro protocolli scritti che garantiscono la corretta esecuzione di numerosi interventi di tipo sanitario, assistenziale ed educativo. L’esistenza di procedure codificate è garanzia della controllabilità del sistema.

 

 

L’informazione

 

La Direzione del Centro informa all’inizio di ogni anno, i familiari in ordine ai programmi stabiliti per l’anno in corso. Per quanto concerne il personale, tutte le osservazioni/decisioni emerse nelle riunioni, sono riportate su supporti scritti che vengono periodicamente aggiornati al mutare delle condizioni dell’ospite. Tutti i protocolli, le procedure, le cartelle cliniche, i piani individualizzati, i piani di lavoro, sono a disposizione del personale su supporti scritti.

 

Le procedure amministrative quali turni, contabilità, gestione ordini, atti amministrativi sono effettuate per iscritto e conservate in archivio.

 

Quanto sopra a garanzia della trasparenza delle azioni del Centro e della controllabilità e valutabilità dei comportamenti e dei risultati raggiunti.

 

 

Personale

 

E’ garantita la presenza di personale qualificato secondo lo standard e i rapporti previsti dalla d.g.r. n. 7/20763 del 16 febbraio 2005. Tutto il personale è a rapporto contrattuale con l’ente gestore. Il personale dell’unità d’offerta è individuabile attraverso apposito cartellino identificativo.

 

 

Organico dell’unità d’offerta

 

Coordinamento della struttura di  via Boccaccio 18- Cernusco sul Naviglio (MI)

  • Direttore Sanitario: Dr. Diego Rigoldi

  • Coordinatore di Struttura: Roberto Guzzi – educatore professionale con più di 5 anni di esperienza.         

  • Equipe operatori:

 

-medico generico (2 figure);

-medico psichiatra;

-medico fisiatra che collabora al bisogno;

-coordinatore di struttura;

-vicecoordinatore;

-psicologo di riferimento sui progetti individualizzati;

-psicologo supervisore sull’equipe;

-educatori professionali  che garantiscono lo svolgimento dell’attività educativa e assistenziale di intesa con le altre figure professionali;

-ausiliari socio-assistenziali (ASA) e operatori socio sanitari (OSS) che concorrono alla realizzazione del piano di trattamento individuale mediante lo svolgimento di funzioni di assistenza diretta alla persona, garantendo i necessari supporti per l’alimentazione, la cura e l’igiene personale degli ospiti. Essi stabiliscono, in stretto accordo con gli educatori, la più opportuna  modalità d’intervento;

-infermieri professionali  che garantiscono le prestazioni sanitarie in riferimento al piano di trattamento individuale, d’intesa e con direttive specifiche del direttore sanitario;

-tecnici della riabilitazione.

 

 
 
 
Copyright © 2017 Punto d'Incontro - Tutti i diritti riservati.